Colpo di stiletto / Maie, o dell'ignoranza messa per iscritto

Versione stampabileVersione PDF
Colpo di stiletto / Maie, o dell'ignoranza messa per iscritto
Sorprendente fu la recente scoperta dell'esistenza di una sezione ticinese del Maie, “Movimento associativo italiani all'estero”, la cui assemblea di sabato 4 marzo a Lugano ridondò di dichiarazioni reboanti cui pare tuttavia corrispondano ben poco interesse ed ancor minor consenso; il che è anche comprensibile, se si pensa all'ondivaghezza dei suoi esponenti nel Parlamento italiano (nell'arco di 10 anni il fondatore Ricardo Antonio Merlo, già approdato alla Camera dei deputati con l'Aisa, si inventò il Maie a sé stante, poi portò il Maie a fianco dei Liberaldemocratici, poi aderì all'Unione di Centro, poi transitò in quota Scelta civica, poi si infilò nel Gruppo misto, poi entrò in Ala. Un elettrone umano). Dal resoconto pubblicato in sintesi sul sito InterNet www.maiemondiale.com, e dunque da gente che la materia dovrebbe palleggiare con piena consapevolezza di temi e soggetti, si apprende di una dichiarazione giunta da “Gegé (Gerolamo) De Palma, coordinatore del Maie Ticino-Lugano”. Testo non rilevante, interessante invece il destinatario: un consigliere di Stato ticinese, tale “Bondi”. Bondi? E chi sarebbe, 'sto Bondi? Avranno voluto dire Gobbi, Norman Gobbi. E, in effetti, Gegé De Palma questo intendeva. L'anonimo sintetizzatore dei suoi resoconti, invece, tirò ad indovinare.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry